Non è facile ottenere giustizia contro gli incapaci del Covid-19

Da investigatrice privata titolare della agenzia investigativa Cyanea penso che il recente interesse della Procura europea per gli SMS di Ursula von der Leyen con Pfizer dia speranza alle vittime da vaccini e ai morti da COVD-19 che si sarebbero potuti evitare.
Da investigatrice privata titolare della agenzia investigativa Cyanea penso che il recente interesse della Procura europea per gli SMS di Ursula von der Leyen con Pfizer dia speranza alle vittime da vaccini e ai morti da COVD-19 che si sarebbero potuti evitare.

Non ha avuto alcun seguito l’iscrizione nel registro degli indagati degli ex-Ministri Roberto Speranza, Giulia Grillo, Beatrice Lorenzin, Luciana Lamorgese, Lorenzo Guerini, Luigi Di Maio, Roberto Gualtieri, Alfonso Bonafede e dell’ex premier Giuseppe Conte per i disastri provocati a Bergamo durante le prime fasi della pandemia di coronavirus.

Le denunce ai nostri governanti, per quanto incapaci e corrotti possano essere, sono cause temerarie dall’esito molto incerto.

Già durante la pandemia alcune persone si rivolgevano alla mia agenzia Investigazioni Cyanea di Milano per sapere come raccogliere prove degli abusi di potere e delle violazioni Costituzionali commesse dai rappresentanti governativi in loro danno. Io da investigatore privato, titolare della agenzia Investigazioni Cyanea che si occupa d’indagini penali difensive, li avvisavo che al massimo si sarebbe potuto dimostrare la condotta di qualche singolo rappresentante, purché grave e reiterata. Notavo in molti di loro una rabbia e una frustrazione giustificabili, ma alle quali si sarebbe aggiunta ulteriore delusione, se non incanalate giustamente in una protesta efficace o una vittoria in Tribunale.

Capita che i clienti si rivolgano alla mia agenzia Investigazioni Cyanea di Milano per svolgere investigazioni penali difensive o civili su cause di malattia o di morte per malattie professionali, avendo già un avvocato. In alcuni casi, da semplice investigatrice privata abituata a collaborare con studi legali e a “masticare” la giurisprudenza giuslavoristica, mi accorgo che hanno sbagliato avvocato, perché del tutto incapace o non specializzato nel settore di loro interesse. Allora tento di suggerire un secondo parere legale. Se mi ascoltano hanno qualche probabilità di salvarsi dall’imperizia dell’avvocato. Se, invece, mi rispondono d’avere cieca fiducia nel loro legale, allora recito una preghierina per loro e spesso rifiuto l’incarico investigativo, perché il successo delle mie indagini dipende molto anche dal buon uso che se ne fa.

Da investigatrice privata, titolare della agenzia investigativa Cyanea, che si occupa da 30 anni di cause sulle morti per malattie professionali, avrei sconsigliato i miei clienti di cercare soddisfazione contro coloro che hanno tardato le chiusure in provincia di Bergamo, dove si sono verificati così tanti morti, perché il nesso causale è troppo difficile da dimostrare. Piuttosto avrei indagato per poter attaccare le stesse persone su irregolarità più dimostrabili, come quelle relative ai ricoveri, alle cremazioni, agli acquisti e alle somministrazioni vaccinali. Inoltre, questo è il momento di intraprendere una class-action nell’interesse delle vittime da vaccino abbandonate a loro stesse e ignorate dallo Stato.

Finalmente sembra che la magistratura europea si stia muovendo nei confronti di Ursula von der Leyen per i famosi sms con Pfizer mai resi pubblici e cancellati; questo è il momento di intraprendere ponderate azioni legali e svolgere indagini private per ottenere giustizia.

Share the Post:

Related Posts

en_USEnglish